Generali/Milano: Molto potenziale frenato da politica, burocrazia e incompetenza

Rispetto al resto di Generali, il mio dipartimento è giovane e moderno. Lo stack tecnologico non è tanto diverso da quello di startup che fanno software/data/ml eng o data science. Molti desiderano imparare e i junior si divertono. Tuttavia, c’è uno squilibrio di competenze, con più junior che mid/senior, ne risulta che il ruolo di prendere decisioni viene affidato a persone con poca esperienza e senza supervisione. I pochi senior rimasti provano a mitigare. Non ci sono percorsi di carriera tecnica, l’unica via di avanzamento è attraverso ruoli manageriali (ma non è chiaro il come). Molti sviluppatori senior sono andati via per aziende tecniche con percorsi di crescita strutturati. La scelta sull’attuale topologia dei team è mio avviso inefficiente a favorire lo sviluppo di un ambiente virtuoso di condivisione e crescita. Politica e burocrazia sono scontate. L’equilibrio lavoro-vita privata è ottimo, grazie a benefit, convenzioni, copertura sanitaria top e short friday